TORINO / Fiabe e boschi, percorsi culturali attraverso i borghi di Rubiana

TORINO – Si è aperta oggi a Rubiana (Torino) presente anche l’assessore alla Cultura della Regione Piemonte, Michele Coppola, la IV edizione di Fiabe e Boschi, iniziativa ormai consolidata che coniuga arte e valorizzazione del territorio.
La manifestazione, fortemente voluta dal Comune di Rubiana, è stata ideata in concerto con l’artista Francesco Tabusso, dal 2006 cittadino onorario di Rubiana.
Tabusso, insieme ai suoi amici pittori, ha sviluppato cosi un progetto per arricchire gli aspetti culturali e storici di Rubiana, legati a personaggi come Dino Campana, Giovanni Valletta, Felice Casorati, Italo Cremona, Francesco Menzio che hanno trovato in questo luogo ispirazione.
”Fiabe e boschi” prevede la realizzazione di opere, ispirate alle fiabe e ai boschi di questi territori. Nel corso dell’iniziativa, le copie di queste opere vengono ingrandite su supporti speciali e quindi disseminate nel centro e nei borghi di Rubiana su case, scuole, edifici privati e ville storiche, creando dei veri e propri itinerari artistici all’aperto.
Un’iniziativa che mette insieme la promozione della cultura e del turismo al tempo stesso, sottolinea la stessa Regione. Nei diversi anni le opere originali sono state donate dagli artisti al Comune di Rubiana tanto che, spiega il Sindaco di Rubiana Gianluca Blandino, ”abbiamo raccolto più di una trentina di opere di qualità che devono essere conservate e mostrate al pubblico, per questo stiamo pensando al progetto di una Pinacoteca permanente che le raccolga tutte”.
”Un patrimonio consistente – sottolinea Coppola – che va valorizzato. Fiabe e Boschi è un progetto importante perché oltre al valore artistico è un invito a riscoprire un territorio molto bello e con una importante vocazione turistica: un motivo in più perché la Regione Piemonte sostenga questa iniziativa. Il progetto della Pinacoteca verrà quindi messo a punto nei prossimi mesi coinvolgendo gli altri assessorati competenti, al Turismo e allo Sport, e alla Montagna”.

Fonte: Ansa