NAPOLI / L’Angolo del tifoso, tredici anni di attesa per strappare alla Roma il derby del Sud. Il Napoli vince con tanta “Pazienza”

NAPOLI L’ANGOLO DEL TIFOSO – Finalmente il Napoli canta al San Paolo. Finalmente il Napoli vince e convince. Ci aveva già abituato a belle e vittoriose partite a Fuorigrotta contro le grandi squadre, ma con la Roma era dal 1997 che non si vinceva. Da quel gol di testa di Nicola Caccia ancora impresso nella  testa dei tifosi azzurri. La trasferta di Bucarest si pensava che potesse segnare le sorti della gara, e invece nel momento in cui tutti credevano che la Roma tirasse fuori la prestanza fisica è spuntato lui, il Pocho Lavezzi. L’asso argentino è salito in cattedra e ha preso in mano la squadra portandola alla vittoria. Suo infatti il lancio per Dossena che ha portato l’esterno ex Liverpool in condizione di servire Marekiaro al centro dell’area di rigore. Ezequiel ha seminato il panico per tutto il secondo tempo nell’area giallorossa, facendo vedere le streghe a Juan e Burdisso. Altra nota positiva della partita contro Totti e compagni è che gli azzurri finalmente non hanno subito gol e questo è un segnale davvero importante perchè è proprio da una grande difesa che si costruiscono le vittorie. Partita perfetta dunque, che affonda una Roma stanca e senza idee. Buona anche la prova di Yebda. L’inserimento dei nuovi sarà fondamentale in questa pausa per le nazionali. L’algerino e Sosa, dovranno far di tutto per entrare negli schemi del tecnico livornese. Non ha bisogno di inserirsi Cavani che in questa partita ha dimostrato che non sa solo segnare, ma anche difendere e far ripartire la squadra: el matador è indispensabile. Ora sotto con il Catania, cercando di affrontare la gara concentrati e con il massimo rispetto per l’avversario. Un’ ultima parola la spendo per Walter Mazzarri; il merito di questo bel momento azzurro è in buona parte suo. Vive le partite come nessun altro allenatore, muovendo la  giostra Napoli a sua immagine e somiglianza. Imbocca al lupo per una pronta guarigione, e se vuole ascoltare un mio consiglio e del presidente De Laurentiis, smetta di fumare!!

TOP

Hamsik 7,5: sempre nel vivo del gioco. Detta sempre il passaggio giusto. Micidiale

Lavezzi 7,5: corre come un treno sulla sinistra. E’ devastante e non lo prendono mai. Fulmine

Pazienza 7,5: nessuno si accorge di lui, ma è determinante. Non perde un pallone, ne recupera a centinaia e sfodera anche ottimi lanci per le fasce. Da nazionale

LA DIFESA 7: finalmente determinante , partendo da De Sanctis sino ad arrivare ad Aronica. Puliti, attenti e concentrati. Solidi

FLOP:

Nessuno ha giocato male. Tutti hanno raggiunto la sufficenza.

Michele D’Agostino