SAKINEH / Figli chiedono asilo all’Italia, temono l’arresto dopo avere ricevuto telefonate intimidatorie da probabili agenti dell’Intelligence

SAKINEH – I due figli di Sakineh MohammadiAshtiani temono di essere arrestati e chiedono all’Italia di concedere loro asilo politico. “Abbiamo ricevuto telefonate – dice Sajjad Ghaderzadeh, il figlio della donna iraniana condannata alla lapidazione per la quale si è mobilitato l’Occidente – da persone che si presentavano come agenti dell’Intelligence che ci hanno minacciato e mi hanno convocato nei loro uffici. Non ci sono andato. Ma cè’ la possibilità che ci arrestino in ogni momento”.

Fonte