CASA AN MONTECARLO / Procura di Roma, probabilmente non verrà chiesto il sequestro dell’appartamento

CASA AN MONTECARLO – Gli inquirenti della Procura di Roma non sarebbero intenzionati a chiedere il sequestro della casa di An a Montecarlo. Secondo quanto si è appreso a piazzale Clodio l’istanza degli avvocati Roberto Buonasorte e Marco Di Andrea, “in questa parte” non potrebbe essere presa in esame. “Dovrebbe essere avviata una rogatoria solo per questo aspetto e poi allo stato non sono emersi i presupposti”, si spiega. Per ogni altro passaggio istruttorio risulta sempre più “fondamentale” che vengano trasmessi ai pubblici ministeri della Capitale i documenti della rogatoria nel Principato di Monaco, con più chiare indicazioni sul valore dell’immobile di Boulevard Princesse Charlotte. Rispetto alla restante parte dell’articolato esposto di 40 pagine presentato dai due penalisti che sono anche esponenti della Destra, in merito all’audizione delle diverse persone coinvolte nella vicenda, dallo stesso presidente della Camera Gianfranco Fini, ad Elisabetta e Gian Carlo Tulliani, al vice console italiano di Santa Lucia, nella cittadella giudiziaria romana si ribadisce che è necessario acquisire documenti e informazioni sull’appartamento e sul valore di vendita, prima di valutare tale possibilità.

Fonte: Apcom.net