AL QAEDA / Yemen, terroristi hanno ucciso oltre 50 capi di polizia nel 2010: nel mirino anche il premier Majur

AL QAEDA – Dall’inizio dell’anno al-Qaeda ha ucciso almeno 50 capi delle forze di sicurezza yemenite. A dirlo è una fonte del ministro degli Interni di Sanàa, citato dal giornale on-line Barakish.

L’ultimo attentato in ordine di tempo è stato l’attacco ai danni di diplomatici britannici avvenuto ieri. Fonti dei servizi segreti avevano diramato una informativa in cui si metteva in guardia il personale britannico da possibili azioni di al-Qaeda. La decisione di aumentare i posti di blocco e il numero degli agenti in strada non ha però scoraggiato i terroristi che hanno sparato un razzo contro la macchina blindata dell’ambasciata, senza però causare vittime.

Ieri mattina alla periferia della capitale una guardia di sicurezza del compound della compagnia petrolifera austriaca Omv, ha aperto il fuoco contro gli impiegati dell’azienda uccidendo il direttore di nazionalità francese. Nel mirino dei terroristi è finito ad inizio settimana anche il premier Ali Muhammad Majur, mentre nel week-end un commando armato ha lanciato una bomba a mano nel cortile del capo del governo. La residenza, situata nel quartiere libico di Sanàa, non ha subito danni, né si contano feriti.