FINLANDIA / Allo studio una legge contro l’accattonaggio

FINLANDIA – Anne Holmlund, ministro dell’interno finlandese, ha annunciato che verrà presa in esame la proposta di introdurre una norma che renda illegale l’accattonaggio nei luoghi pubblici.

La Holmund ha detto che lo scopo “non è colpire i mendicanti, ma lottare contro la criminalità organizzata che si cela dietro l’accattonaggio”.

Juha Hakola, che ha promosso l’introduzione della nuova legge, ha spiegato che l’accattonaggio e il commettere reati sono cose parallele e in parte complementari, e che vietandolo sarebbe inoltre possibile migliorare la qualità dell’ambiente urbano.

Anche il sindaco di Helsinki, Jussi Pajunen, si è detto favorevole: la sua preoccupazione è che l’accattonaggio generi una maggiore insicurezza in città.

Il testo della legge deve ancora essere varato dal governo e approvato dal Parlamento di Helsinki, ma le polemiche sono già scoppiate. Il direttore di Amnesty International Finlandia, Frank Johansson, ha detto che il testo proposto è discriminatorio nei confronti dei rom e che l’introduzione di un reato del genere sarebbe come criminalizzare la povertà.

In Finlandia sono circa 200 i mendicanti schedati: la maggior parte di loro è appunto di etnia rom e proviene dalla Romania.

 

Antonio Scafati