CASO MARCEGAGLIA / Editoriale di Feltri, indignazione del direttore de il Giornale che ribadisce “storia senza senso”

CASO MARCECAGLIA – ”E’ ufficiale, siamo considerati delinquenti”. Inizia così l’editoriale di Vittorio Feltri sul ‘Giornale’ il giorno dopo la perquisizione nella sede del quotidiano per il caso Marcegaglia. Feltri parla di ”storia senza senso” e si chiede: ”Vuoi vedere che i maledetti dossier, di cui tutti discutono, esistono soltanto nella fantasia ipereccitata dei nostri numerosi detrattori? Esatto, è proprio così. Involontariamente la Procura di Napoli lo ha dimostrato’. Sulla vicenda oggi intervengono con due articoli anche il direttore Alessandro Sallusti e il vicedirettore Nicola Porro, che risultano indagati per violenza privata nei confronti del presidente di Confindustria contro cui, secondo la ricostruzione degli inquirenti, si stava preparando una campagna di stampa simile a quella condotta dal ‘Giornale’ sull’affaire della casa di Montecarlo. Sallusti parla di ”stupro giudiziario a spese del contribuente” e sottolinea: ”Nell’ordinanza di perquisizione mi si cita una sola volta come autore di un articolo pubblicato il 16 settembre su Emma Marcegaglia. E’ vero, l’ho scritto. Il giorno prima la presidente di Confindustria ci aveva attaccato pubblicamente dichiarando che era ora di smetterla con l’inchiesta sulla casa di Montecarlo. Insomma sono stato indagato, umiliato e diffamato per aver scritto in difesa della mia libertà di pubblicare articoli sul caso Montecarlo”.
Nel suo articolo, Porro sottolinea il rischio di ”andare in galera per una battuta nei toni, nella sostanza, nella pratica”.

Fonte: Adnkronos