RIMPATRIATI ITALIANI DALLA LIBIA CELEBRANO 40/O ANNIVERSARIO RIENTRO

RIMPATRIATI ITALIANI DALLA LIBIA CELEBRANO 40/O ANNIVERSARIO RIENTRO – ROMA, 8 OTT – I rimpatriati dalla Libia celebreranno, domenica 10 ottobre presso il Museo Storico dell’Aeronautica Militare di Vigna di Valle a Bracciano, il quarantesimo anniversario del loro rientro in Italia, avvenuto nel 1970 a seguito della confisca di tutte le loro proprietà ad opera di Gheddafi. Il giorno del 7 ottobre – si legge in un comunicato dell’associazione – è stato sempre celebrato dalla Libia come «giornata della vendetta» in ricordo di quella espulsione. Dopo la firma del trattato del 30 agosto 2008 tra Berlusconi e Gheddafi, la ricorrenza è stata sostituita dalla «giornata dell’amicizia». Per questo il congresso dei rimpatriati cade a ridosso di una data così significativa, fanno sapere i rimpatriati, che non nascondono il loro «risentimento verso i vari governi italiani che non hanno mai dato la dovuta attenzione a precisi diritti, con una propensione via via crescente nel soddisfare ogni richiesta del leader libico». «Siamo ancora uniti a dispetto delle tante vicende che hanno caratterizzato il nostro lungo esilio – spiega Giovanna Ortu, presidente dell’Associazione Italiani Rimpatriati dalla Libia -. Superate le difficoltà del reinserimento, abbiamo lottato per il riconoscimento dei nostri diritti, ma proprio il Trattato italo-libico del 2008 sembra averci definitivamente sacrificati. Infatti, il ritardo nella corresponsione di quel men che simbolico indennizzo per i beni confiscati, inserito nella legge di ratifica, rappresenta una inaccettabile ferita al nostro diritto e soprattutto – conclude – alla nostra dignità».

Ansa