SARAH SCAZZI / Tg5, parlano le cugine: “Noi non siamo complici, non sapevamo nulla”

Sarah Scazzi

SARAH SCAZZI –  “Non siamo complici, noi non c’entriamo nulla”. Sabrina e Valentina Misseri, le figlie di Michele Misseri, lo zio omicida di Sarah Scazzi, ribadiscono la loro estraneità alla vicenda parlando all’edizione delle 20.00 del Tg5. Sabrina ha raccontato “Noi volevamo andare al funerale però ce lo hanno sconsigliato, in quanto ci poteva essere qualche esaltato. Non accetto la morte di Sarah. Non riesco ad immaginare che non c’è più”. Poi l’elogio della zia, la mamma di Sarah che ieri è andata a trovarle: “E’ venuta lei, mi ha abbracciata e mi ha detto: so che non c’entrate niente. E’ stata veramente una gran donna”. Lo ribadisce anche Valentina: “la cosa strana è che è stata la madre di Sarah a consolarci e non il contrario”. E le due sorelle ribadiscono la loro estraneità. Non sapevo nulla, sottolinea Sabrina, e Sarah non le aveva mai detto nulla. “Mai, mai anche perchè sarei andata subito a sgridare mio padre. Non mi ha mai detto niente. Non capisco perchè è venuta fuori questa cosa che mio padre ci avrebbe provato prima. Non so neanche se posso fidarmi di mio padre, ci ha mentito per 42 giorni. Quello che ha fatto lui l’ha fatto tutto da solo. Noi non sapevamo niente di niente “. E Valentina aggiunge “Noi non potevamo assolutamente essere complici di un fatto così orrendo. Saraha per noi era una sorella”.

Fonte: Apcom.net