La Gran Bretagna condanna le nuove rivelazioni di Wikileaks

GB CONDANNA WIKILEAKS – Il governo britannico ha condannato le ultime rivelazioni di Wikileaks su una serie di aziende e strutture nel mondo che gli Stati Uniti considerano vitali per la sicurezza nazionale. La lista, che divide il mondo in sei regioni, include gasdotti, cavi sottomarini e impianti industriali tra cui una miniera di cobalto in Congo, un’azienda per la produzione di siero contro il veleno dei serpenti in Australia e un impianto per l‘insulina in Danimarca.

Nel documento, intitolato Critical Foreign Dependencies Initiative, sono indicati anche siti italiani. In Gran Bretagna sono tra gli altri considerati a rischio, secondo la lista pubblicata da Wikileaks, la stazione di approdo del cavo sottomarino Apollo in Cornovaglia e un’azienda per la fabbricazione di vaccini animali della Bae Systems nel Lancastershire. «Condanniamo inequivocabilmente la pubblicazione non autorizzata di materiale segreto. La fuga di notizie può danneggiare la sicurezza nazionale negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e altrove», ha detto un portavoce di Downing Street: «È vitale che i governi siano in grado di operare sulla base della segretezza delle informazioni». Critiche sono arrivate anche da un portavoce di Bae che «riconosce il suo ruolo di azienda come custode di importanti beni industriali e militari». Il portavoce ha espresso preoccupazione per «ogni attività che comprometta questo ruolo».

Ansa