Da Wikileaks in arrivo altri 2.700 file sull’Italia

WIKILEAKS: IN ARRIVO 2700 FILE SULL’ITALIA – Il ministro degli Esteri Franco Frattini sa che non sarà certo l’arresto di Julian Assange a fermare la pubblicazione di documenti da parte di Wikileaks e annuncia infatti che altri 2.700 file sull’Italia potrebbero essere diffusi dal sito.
Fratttini, che ha espresso soddisfazione alla notizia del fermo, ha chiesto che le indagini sul giornalista australiano non si fermino alle accuse di stupro. Secondo il titolare della Franesina, infatti, Wikileaks ha reso pubblici dei segreti rilevanti per la sicurezza nazionale, come i siti sensibili, cosa che costituisce “una mappatura fornita gratis ai terroristi”, quindi auspica che l’uomo “sia processato anche per altri reati“. “Assange – ha sottolineato Frattini – ha fatto del male alle relazioni diplomatiche internazionali e mi auguro che sia interrogato e processato come le leggi stabiliscono”.
In merito ai file riguardanti il nostro Paese, comunque, il ministro non mostra particolare preoccupazione. “Un collaboratore di Julian Assange – conclude – ha detto con chiarezza che ci sono 2.700 file sull’Italia dal 2000 al 2010 che potrebbero essere pubblicati su Wikileaks. Stiamo a guardare e io continuerò a non commentarli anche se qualcuno parla bene di me”.

Tatiana Della Carità