Totti vuole che la Roma impari a giocare dal Barcellona

TOTTI VUOLE IMPARARE DAI CATALANI – Il capitano della Roma, Francesco Totti, parla al Corriere dello Sport, alla vigilia della partita contro il Clu.

“Impariamo dal Barcellona. Hanno tre giocatori del vivaio a contendersi il Pallone D’Oro. Da noi nessuno pensa ai baby”.

“Le ultime due giornate di campionato ci avevano offerto due grandi opportunità per poter arrivare alle posizioni di vertice, ma per motivi diversi siamo riusciti a por­tar via solo un punto dalle due trasferte. Contro il Palermo non abbiamo giocato al­l’altezza delle nostre possibilità, mentre quella col Chievo è stata una partita strana”.

“Le ultime due giornate di campio­nato ci avevano offerto due grandi opportunità per poter arri­vare alle posizione di vertice della classifica, ma per motivi diversi siamo riusciti a portar via solo un punto dalle due trasferte. Contro il Palermo non abbiamo giocato una gara all’altezza delle nostre possi­bilità, abbiamo affrontato una squadra ben organizzata che ci ha puniti nel secondo tempo, mentre quella con il Chievo è stata una partita strana, soprattutto per le condizioni del terreno di gioco, che ci ha penalizzato perchè in questi casi la squadra più tecnica è quel­la che subìsce più danni. Un cam­po totalmente impraticabile, sul quale si sono disputate nell’arco di dieci giorni una partita di rugby e tre di calcio. Un campo pieno di in­sidie, che rappresentava un peri­colo per i giocatori in campo. Ci siamo trovati in vantaggio di due gol, ma non siamo riusciti a gesti­re questo vantaggio nella ripresa. Un’eventuale vittoria avrebbe per­messo di fare un bel salto in avan­ti in classifica. Certo, diventa diffi­cile da spiegare come sul 2-0 si può essere rimontati ma le motivazioni possono essere tante. Il pareggio è arrivato a causa di episodi negati­vi e soprattutto per le condiziini del campo, che ci ha impedito di gestire la partita con il possesso palla durante il secondo tempo”.

“Ci attende una trasferta in­sidiosa in Romania, dove si decide la qualificazione agli ottavi di fina­le di Champions. Superare il turno significherebbe centrare un obiet­tivo prefissato all’inizio della sta­gione e poi potremmo concentrar­ci fino a febbraio solo sulle prossi­me giornate di campionato”.