Attacco informatico al sito e alle e-mail dell’avvocato delle donne che accusano Assange di stupro

ATTACCO INFORMATICO AVVOCATO ASSANGE – Il sito internet e le e-mail dell’avvocato delle due donne svedesi che accusano il fondatore di Wikileaks Julian Assange di ‘stupro e aggressione sessuale sono state prese di mira da un attacco informatico, dopo che anche il sito della procura svedese aveva subito la stessa sorte. Lo ha annunciato il legale. «La nostra casella e-mail e il nostro sito internet sono stati piratati la notte scorsa e stamattina presto», ha dichiarato Claes Borgstrom in una conferenza stampa convocata nel suo ufficio a Stoccolma. «Pensiamo che siano le stesse persone che hanno attaccato il sito del procuratore», ha aggiunto l’avvocato. Il sito della procura, che era stato oggetto di un attacco informatico ieri, oggi funziona normalmente. Gli attacchi si sono realizzati dopo che Julian Assange è stato arrestato a Londra ieri in seguito ad un mandato di cattura emesso dalla Svezia dopo le accuse delle due donne. Secondo la società per la sicurezza informatica Panda Security, gli attacchi sono stati realizzati dal gruppo «Anonimi» che sarebbe responsabile anche dell’attacco contro i servizi di pagamenti online Paypal e contro la banca postale svizzera che avevano bloccato le transazioni finanziarie di Wikileaks.

Ansa