In Norvegia fiaccolata in onore di Liu Xiaobo

Il Pemio Nobel per la Pace Liu Xiaobo

FIACCOLATA PER LIU XIAOBO

– Con ancora negli occhi l’immagine di un Nobel per la pace consegnato a una sedia vuota, per le strade di Oslo è andata in scena la tradizionale fiaccolata in onore del vincitore del premio. E così come era vuota la sedia dove avrebbe dovuto sedere Liu Xiaobo, vuoto era anche il balcone del Grand Hotel dal quale avrebbe dovuto affacciarsi e salutare la folla.

Circa 1200 persone hanno sfilato dalla Youngstorget fino al Grand Hotel, un numero di partecipanti che ha stupito gli stessi organizzatori: “avevamo pensato che già un migliaio di partecipanti avrebbero significato un successo” ha detto al quotidiano Aftenposten Randy Hagen Eriksrud, di Amnesty International, “e il fatto che siano venute così tante persone ci rende molto contenti.”

“Le foto della fiaccolata arriveranno in tutto il mondo e anche in Cina attraverso i social network. Questo significa molto per Liu Xiaobo e per i suoi sostenitori”, ha concluso.

“Questa serata rappresenta una vittoria sulla Cina” ha detto al quotidiano Dagbladet Lu, un attivista cinese. “È particolarmente toccante che così tanti norvegesi siano qui per dimostrare il loro sostegno” ha aggiunto un’altra persona.

L’anno scorso a scendere in strada furono 5.000 persone, è vero, ma il richiamo mediatico che Barack Obama aveva suscitato non regge il confronto. In molti, fiaccola in mano, non hanno però avuto difficoltà a dire che il premio di quest’anno ha un valore molto più alto rispetto a quello assegnato lo scorso dicembre al presidente degli Stati Uniti.

Molti sono venuti da altre città della Norvegia, come Trondheim e Kristiansand. Alcuni anche dall’estero. Arrivati sotto il balcone del Grand Hotel dal quale avrebbe dovuto affacciarsi Liu Xiaobo, i manifestanti hanno osservato il volto del dissidente cinese proiettato sulla facciata dell’albergo e hanno sollevato le fiaccole.

Antonio Scafati