Attentato a Stoccolma: siti Al-qaeda pubblicano il testo del kamikaze

ATTENTATO SUICIDA A STOCCOLMA – Sono decine i messaggi postati nel corso della notte nei forum jihadisti in internet relativi all’attentato kamikaze eseguito ieri a Stoccolma. I seguaci di Osama Bin Laden sono convinti che l’attentatore sia uno di loro ed hanno più volte esultato per l’azione compiuta nella città svedese. In particolare è stata pubblicata questa mattina il testo in arabo del messaggio registrato dal kamikaze prima di entrare in azione. «Ora i vostri figli moriranno, ed anche le vostre figlie e i vostri fratelli così come muoiono i nostri fratelli, le nostre sorelle e i nostri figli – ha affermato facendo riferimento alla guerra in Afghanistan – Le nostre azioni parleranno da sole se non porrete fine alla guerra contro l’Islam e alle offese contro il nostro profeta e al sostegno allo sciocco maiale Lars Vilks». Oltre a criticare il silenzio della Svezia sulla vicenda delle vignette di Maometto del disegnatore Lars Vilks, l’attentatore si è rivolto ai musulmani del paese europeo ai quali chiede: «Fermate le umilizioni a cui siete sottoposti e partecipate al jihad sulla via di Allah». Rivolgendosi poi ai «mujahidin in Europa» ha affermato: «È giunto il tempo di eseguire gli attacchi. Non aspettate a lungo. Venite al Jihad con qualsiasi mezzo, anche solo con un coltello ma io so che voi potete avere di più di un coltello. Non abbiate paura di nessuno e non abbiate paura nè della morte nè della prigione». L’ultima parte del messaggio è indirizzata alla sua famiglia alla quale chiede scusa per aver mentito circa il suo viaggio a Stoccolma. «Non sono partito dal Medio Oriente per cercare lavoro ma solo per fare il Jihad». Secondo gli utenti dei siti di al-Qaeda, ed in particolare del forum ‘al-Shumukh’, i prossimi obiettivi dei terroristi islamici saranno Oslo e Copenaghen. Inoltre in molti si chiedono «come mail il numero delle vittime dell’attentato è stato così basso? Crediamo che le autorità svedesi vogliano coprire la verità»

Fonte: Ansa