Belen Rodriguez: “Io testimonial Tim? Il mio ciclo è finito”

BELEN RODRIGUEZ NON SARA’ PIU’ TESTIMONIAL TIM – ”Basta dire Belen ed è subito scandalo”, dice la stessa Belen Rodriguez, commentando il suo presunto flop come testimonial della Tim dovuto al suo scarso appeal sulle famiglie. Per smentire le voci di crisi tra l’azienda e la testimonial erano insieme a un evento: ”chiunque firmerebbe a vita con Tim, ma e’ un ciclo che purtroppo finisce, tutti i testimonial prima di me hanno fatto un anno e mezzo di campagne”.

La showgirl e il direttore Domestic Market Operations di Telecom Italia, Marco Patuano, si sono presentati insieme nel negozio Tim in Galleria Vittorio Emanuele, a Milano. ”Gli scandali fanno audience, ma basta scandali” chiede la showgirl, spiegando che ”ci sono giornalisti che, per finire in prima pagina, scrivono anche notizie non fondate”.

Poi, sui suoi rapporti con l’azienda, aggiunge che ”non avro’ mai una possibilita’ migliore di quella che ho avuto con Tim: loro – spiega Belen – mi hanno fatto entrare nelle famiglie con gli spot, dove non vedo volgarita’, anche se c’e’ sempre chi la trova anche dove non c’e’. Christian (De Sica, ndr) e’ un gentiluomo vecchia maniera e i numeri parlano da soli, abbiamo oltre 1 milione di fans sulla pagina Facebook e nessuno lo scrive”.

Sull’accusa di essere troppo ammiccante, Belen replica decisa: ”Gli spot mica li scrivo io! Certo, se fossi tutta coperta e con le scarpe basse non sarei sexy, ma non e’ questo, secondo gli studi del mercato, cio’ che chiede il pubblico. Poi non posso certo piacere a tutti, ma cerco sempre – conclude prima di concedersi ai flash dei fans – di essere rispettosa”.

Telecom, “Ancora nessuna decisione”
”Non abbiamo preso alcuna decisione, il contratto con Belen scade a febbraio, poi si vedra”’: Marco Patuano, direttore Domestic Market Operations di Telecom Italia, ha commentato cosi’ le voci su un imminente addio della showgirl argentina, bollando come ”gossip” le voci di una crisi di rapporti tra l’azienda e la sua testimonial.

Fonte:tgcom