“Brain”, il primo virus informatico fu inventato 25 anni fa

    BRAIN PRIMO VIRUS INFORMATICO – Gennaio 1986: il pioniere di tutti i virus fa la sua prima comparsa sugli schermi dei computer. Si tratta di “Brain”, che proprio quest’anno ha celebrato il quarto di secolo di vita. A realizzarlo, 25 anni fa, furono due fratelli in Pakistan, i quali oggi sono a capo di un famoso Internet Service Provider, il cui nome è lo stesso del virus da loro creato.

    Nell’ormai lontano ’86, i fratelli Farooq Alvi diedero vita quindi al primo virus per computer, “infettando”, attraverso l’utilizzo dei floppy disk, i sistemi Ms-Dos degli elaboratori di moltissime persone. Da allora sono stati creati, neutralizzati e ricreati centinaia e centinaia di altri malware, con tecniche sempre più sofisticate.

    L’esperimento realizzato dai fratelli pachistani mette in luce anche la sostanziale anzianità del loro virus rispetto a quelli odierni: nella schermata che appariva agli utenti “infettati” da Brain, infatti, erano stati addirittura inseriti l’indirizzo e il numero di telefono dei suoi creatori.

    Questo, nello specifico, il testo del messaggio sui computer colpiti da Brain: “Welcome to the Dungeon _(c) 1986 Basit & Amjad (pvt) Ltd._BRAIN COMPUTER SERVICES_730 NIZAB BLOCK ALLAMA IQBAL TOWN_LAHORE-PAKISTAN_PHONE 430791,443248,280530._Beware of this VIRUS…._Contact us for vaccination………… $#@%$@!!”.

    I due pachistani, intervistati in un recente video-reportage a cura della F-Secure, hanno sottolineato come il loro intento, durante la creazione di Brain, non fosse distruttivo (e tale fatto sarebbe dimostrato proprio dalla presenza dei loro dati personali), ma fosse solamente un tentativo per testare l’eventuale sicurezza dell’allora sistema operativo Ms-Dos.

    Fonte: PianetaTech.it