L’Agcom approva le linee guida del regolamento sul copyright in Internet

AGCOM APPROVA SCHEMA REGOLAMENTO COPYRIGHT – “Abbiamo messo a punto un testo attentamente riconsiderato, dal quale sono state eliminate ambiguità e possibili criticità, fugando così qualsiasi dubbio sulla proporzionalità e sui limiti dei provvedimenti dell’Autorità e sul rapporto tra l’intervento amministrativo e i preminenti poteri dell’Autorità giudiziaria”. Con queste parole Corrado Calabrò, numero uno dell’Agcom, commenta il varo da parte dell’Authority delle linee guida in merito al copyright sul web. L’annuncio dell’emanazione di questo regolamento ha sollevato numerose polemiche e nei giorni scorsi ha provocato le proteste del popolo di Internet. L’Agcom ha resto noto che secondo il documento approvato oggi per l’eliminazione dei contenuti protetti dal diritto d’autore “«la procedura dinanzi all’Autorità è alternativa e non sostitutiva della via giudiziaria e si blocca in caso di ricorso al giudice di una delle parti”, non implicando “alcuna misura di inibizione dell’accesso ai siti internet”. La questione del diritto d’autore viene direttamente affrontata nella seconda parte della norma, che prevede due livelli di rimozione del contenuto ‘incriminato’: quest’ultimo può essere rimosso da chi gestisce il sito oppure, nel caso in cui l’intervento del gestore non soddisfi le parti, la questione può passare in mano all’Authority che viene quindi chiamata a decidere se eliminare o meno gli elementi segnalati come illegali.

A scagliarsi contro l’Agcom per questo provvedimento non sono solo gli internauti ma anche il leader dell’Idv Antonio Di Pietro. “Pone un bavaglio alla Rete, unico baluardo della democrazia in questi tempi bui e strumento fondamentale che ha veicolato le informazioni sui referendum – dice l’ex pm – L’Authority ha confermato ancora una volta di non essere fuori dal gioco ma di farne parte. Anche per questo occorre rivedere la composizione e la natura stessa di questo organo che potrebbe essere costituito da un garante unico e indipendente dalla politica”.

Redazione online