Guerra in Libia: i ribelli si avvicinano a Tripoli

Ribelli libici
GUERRA IN LIBIA: RIBELLI A TRIPOLI – Vittoria dei ribelli libici sulle truppe del Colonnello Muammar Gheddafi. Oggi gli insorti hanno conquistato il villaggio di Al Qawalish, località a a 50 chilometri Sud di Tripoli, dopo una lunga offensiva verso l’Ovest della Libia.

Con il coordinamento delle forze Nato, i ribelli sono riusciti a respingere le truppe di Gheddafi e hanno catturato diversi mercenari al soldo del regime. I mercenari provengono dal Ghana e dal Mali, secondo quanto riporta l’agenzia Afp.

I ribelli hanno occupato Al Qawalish dopo violenti scontri con l’esercito di Gheddafi, in cui sono state impiegate dalle due parti anche armi pesanti, mentre gli aerei della Nato sorvolavano la zona, ma senza effettuare bombardamenti, secondo quanto riporta sempre l’Afp.

Gli insorti sono ora diretti verso Bir Al-Ghanam, un’altra località strategica a sud di Tripoli, da cui la capitale libica è a portata di cannone.

Nel frattempo, la magistratura di Tripoli ha aperto un procedimento giudiziario contro i membri del Consiglio Nazionale di Transizione (Cnt), l’organo politico dei ribelli con sede a Bengasi, già riconosciuto ufficialmente da diversi Stati, tra cui l’Italia.

I capi di imputazione a carico dei membri del Cnt sono 18, tra questi: “attentato alla rivoluzione del 1969 e del suo leader Muammar Gheddafi, con l’obbiettivo di destabilizzare il governo”, “spionaggio per conto di Stati esteri con l’obbiettivo di aiutarli ad aggredire e a invadere la Libia” e “incitamento alla ribellione e alla sedizione”. Gli imputati saranno giudicati sulla base del codice penale libico del 1954. Il processo, che si svolgerà presso un tribunale speciale, inizierà nella prossime settimane.

Sulla nuova offensiva dei ribelli libici verso Ovest, il Segretario Generale della Nato Rasmussen commenta: “Per Gheddafi è la fine della partita”.

Redazione