In Afghanistan i bombardamenti della Nato uccidono 14 civili

Militari in Afghanistan

AFGHANISTAN: RAID UCCIDE 14 CIVILI – La tv araba Al Jazeera denuncia l’ennesimo errore da parte delle forze Nato attive in Afghanistan. L’emittente televisiva ha infatti riferito, citando fonti delle forze dell’ordine locali, che in un raid aereo realizzato dalle truppe dell’Alleanza atlantica nella zona di Kohst, nell’est del Paese, sono rimasti uccisi quattordici civili e che tra loro c’erano otto bambini. La tv aggiunge inoltre che ieri, in un’altra azione Nato efettuata a Ghazni ci sono state due vittime.
La questione delle uccisioni dei civili causate dai bombardamenti dell’Alleanza torna quindi alla ribalta, dopo le polemiche sollevate nei mesi scorsi dal raid in cui erano rimasti uccisi nove bambini.
Per quanto riguarda l’episodio odierno non ci sono ancora conferme da parte della Nato, che ha soltanto confermato l’operazione, comunicando di aver provocato la morte di quattro talebani e precisando che sono in corso indagini sull’accaduto. La diffusione della notizia, comunque, ha indotto centinaia di cittadini afghani ad organizzare una manifestazione: durante il corteo i dimostranti hanno gridato frasi contro la Nato.

Redazione online