F1, Gp Silverstone 2011: bufera sul regolamento scarichi soffiati. Massa vola sul bagnato

F1, GP SILVERSTONE 2011 – Il Gran Premio di Silverstone si apre con pista bagnata e polemiche ai box. Infatti ieri è stato il debutto del nuovo regolamento sugli scarichi soffiati che ha causato non poche tensioni tra le scuderie, specie tra Red Bull e McLaren. Secondo la nuova norma i parametri dovranno essere limitati al 10 o 20%, standard che s’innalza fino al 50% per chi utilizza motori Renault (tra questi anche la Red Bull). Nulla di meglio per scatenare una rovente polemica nel mondo del Circus. Martin Whitmarsh, team principal della McLaren, che monta motori Mercedes, dice che la scuderia austriaca trarrà un netto vantaggio da un regolamento ambiguo: “Quando i parametri cambiano durante una sessione di prove libere, la situazione diventa decisamente complicata. A posteriori sarebbe stato senz’altro meglio apportare modifiche alla fine dell’anno. E credo che anche Christian (Horner, ndr) la pensi così”.

Il team principal della scuderia delle lattine, Chris Horner, risponde alle dichiarazioni del collega-rivale del team inglese affermando che fino ad ora c’è stato un netto vantaggio per le vetture motorizzate Mercedes: “Nel paddock si dirà che la Red Bull sta andando bene per queste ragioni e che altre monoposto non vanno per gli stessi motivi. Il concetto fondamentale è che i costruttori sono stati trattati in maniera equa”.

Intanto la querelle tra le due scuderie rischia di far passare in secondo piano le prove libere di ieri, dove in mattinata Mark Webber conquista il miglior tempo, seguito da Schumacher e Barrichello; al pomeriggio, invece, è Felipe Massa a trarre maggior vantaggio dalla pioggia e a girare con il miglior crono, lasciandosi alle spalle Nico Rosberg della Mercedes GP e Kamui Kobayashi che, nel primo turno di prove libere, è stato autore di un brutto incidente.

La prestazione del ferrarista brasiliano non scompone il team di Maranello che, però, intravede qualche segnale positivo: “È difficile dire dove siamo rispetto agli altri – ha dichiarato Massa – perchè le condizioni della pista cambiavano continuamente e non è nemmeno facile dare una valutazione approfondita delle nuove componenti che abbiamo portato qui. È stata una giornata difficile, con la pioggia che è stata protagonista sia nella prima che nella seconda sessione. Peraltro, mi sembra che la macchina si comporti piuttosto bene sul bagnato. È positivo in vista del prosieguo del weekend, visto che è probabile che possa piovere ancora”.

Luigi Ciamburro