Allarme caldo: Bologna, Bolzano, Messina, Perugia, Pescara e Rieti nella morsa dell’afa

ALLARME CALDO IN ITALIA – Continua ancora l’allarme afa in tutta Italia. Dopo le temperature bollenti dello scorso fine settimana, oggi il termometro salirà ancora, soprattutto in sei città italiane, in cui si prevedono ondate di calore di “livello rosso”.

Le città interessate saranno: Bologna, Bolzano, Messina, Perugia, Pescara e Rieti. La Protezione civile prevede in queste città “condizioni meteorologiche a rischio” per il gran caldo e invita ad “adottare interventi di prevenzione mirati alla popolazione a rischio”, soprattutto bambini, anziani e malati.

Si registra invece il “livello arancione” per le temperature in altre sette città italiane: Campobasso, Civitavecchia, Firenze, Latina, Palermo, Roma e Trieste.

I disagi saranno determinati soprattutto dall’umidità che unita alle alte temperature farà aumentare il caldo percepito.

La Protezione civile prevede ancora disagi anche per domani con temperature nei valori massimi superiori alla norma del periodo e punte di caldo intenso sull’Emilia Romagna ed al Centro-sud, in modo particolare sulle due isole maggiori, Toscana, Lazio, Campania, Puglia e localmente su Basilicata e Calabria.

Nei giorni investiti dalle ondate di calore, la Protezione civile consiglia per i soggetti più deboli, come anziani, bambini molto piccoli, persone non autosufficienti o convalescenti, di non uscire nelle ore più calde della giornata, cioè dalle 12 alle 18.

Questi alcuni consigli degli esperti per difendersi dal caldo. Durante i giorni in cui è previsto un rischio elevato, livello 2 o 3, e per le successive 24 o 36 ore, per anziani, bambini molto piccoli, persone non autosufficienti o convalescenti è consigliabile non uscire nelle ore più calde, cioè dalle 12 alle 18.

Redazione