Guerra in Libia: la Francia annuncia la soluzione politica al conflitto

Francois Fillon

GUERRA IN LIBIA – La guerra in Libia prosegue da oltre quattro mesi e già da qualche settimana i rappresentanti dei Paesi conivolti nella missione militare contro il regime di Muammar Gheddafi parlano di una rapida conclusione del conflitto. Ieri Saif Gheddafi, figlio del raìs, ha annunciato l’avvio di negoziati con la Francia ed ora anche Parigi il governo conferma che “una soluzione politica” alla guerra sta “prendendo forma”. Sulla questione è intervenuto il primo ministro Francois Fillon, che ha spiegato che la situazione in Libia “è in continua evoluzione nella giusta direzione”. “Noi non abbiamo mai detto che l’intervento in Libia sarebbe stato facile e si sarebbe concluso in qualche giorno”, ha aggiunto, ma ora alcune finalità sono state raggiunte e “la regione orientale del Paese è oggi quasi interamente al riparo dagli attacchi di Gheddafi”. “La sua strategia (del raìs, ndr) sta fallendo – aggiunge – Ovunque, i libici liberi guadagnano terreno, a differenza di Gheddafi, la cui aviazione e marina sono state quasi interamente distrutte e attorno a lui il cerchio si sta stringendo”.

Anche la Nato mostra ottimismo in merito alla situazione libica, spiegando che “le forze di Gheddafi sono sulla difensiva e non appaiono in grado di attaccare”. “Bengasi e Ajdabija sono completamente libere – dichiara il portavoce dell’Alleanza atlantica Mike Bracken – Brega è quasi libera e Misurata sta raggiungendo la stessa condizione”.

Redazione online