Scandalo intercettazioni in Gran Bretagna: Rupert Murdoch convocato alla Camera dei Comuni

Rupert Murdoch

GRAN BRETAGNA: SCANDALO INTERCETTAZIONI – Il magnate australiano dell’editoria mondiale, Rupert Murdoch, sarà ascoltato nei prossimi giorni dai parlamentari britannici alla Camera di Comuni di Londra.

La clamorosa notizia è un nuovo tassello che si va ad aggiungere allo scandalo delle intercettazioni illegali, esploso nelle ultime settimane in Gran Bretagna, che ha visto finire nell’occhio del ciclone il noto tabloid domenicale News of The World, di proprietà della News International, società controllata dal gruppo di Murdoch News Corp.

Il News of the World è accusato di aver intercettato illegalmente, attraverso l’operato di investigatori privati senza scrupoli e corrompendo agenti di polizia, i telefoni di alcune ragazzine uccise in Gran Bretagna in tragici fatti di cronaca nera, quelli delle vittime degli attentati a Londra del 7 luglio 2005, i telefoni delle vittime e dei familiari dei soldati britannici morti in Iraq e Afghanistan e, secondo le ultime indiscrezioni, anche quelli delle vittime degli attentati dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti.

Uno scandalo che ha sconvolto l’opinione pubblica in Gran Bretagna e suscitato grande indignazione, fino a indurre l’editore Murdoch a chiudere il giornale, uscito domenica scorsa con l’ultimo numero.

Uno degli ex direttori del giornale, Andrew Coulson, nei giorni scorsi è stato arrestato e poi subito rilasciato su cauzione, per il suo coinvolgimento nelle intercettazioni illegali.

Martedì 19 luglio, i parlamentari britannici ascolteranno Rupert Murdoch, il figlio James, presidente di News International e Rebakah Brooks, ex direttrice del News of the World, famosa per la sua spergiudicatezza, e ora direttrice generale di News International. I tre saranno ascoltati dalla Commissione sui media della Camera dei Comuni.

E’ di oggi, inoltre la notizia che il Sun, l’altro noto tabloid inglese, sempre di proprietà di Murdoch, avrebbe ottenuto informazioni illegali anche sull’ex Primo Ministro Gordon Brown, che sarebbe stato spiato per ben dieci anni. Nell’autunno del 2006 Rebekah Brooks all’epoca direttore del Sun, chiamò Gordon Brown per dirgli che era a conoscenza del fatto che suo figlio era malato di fibrosi cistica ed era intenzionata a darne notizia sul giornale. Un fatto che sconvolse Brown e sua moglie.

La sconcertante notizia è stata data nelle ultime ore dal Daily Telegraph online, secondo il quale gli investigatori privati di News International spiarono Brown per dieci anni, impossessandosi di informazioni sensibili sull’ex premier laburista e sulla sua famiglia. Lo scandalo delle intercettazioni coinvolgerebbe dunque altre testate del gruppo di Murdoch, oltre al News of the World. Gordon Brown sarebbe stato spiato anche da un altro giornale di Murdoch, il Sunday Times, che avrebbe ottenuto informazioni sul suo conto in banca.

Gordon Brown ha attaccato la News Intarnational dei Murdoch, accusando la società di utilizzare metodi “disgustosi”, anche ricorrendo all’impiego di “criminali” per accedere ad informazioni personali.

Valeria Bellagamba