Yara Gambirasio: Fbi partecipa alle indagini, assassino ha origini caucasiche

YARA GAMBIRASIO – Le indagini sul delitto della piccola Yara Gambirasio, la ragazzina tredicenne di Brembate Sopra rapita e uccisa nel novembre dello scorso anno, procedono in sordina, pur senza l’attenzione mediatiche che ha circondato il caso per mesi, fino ai funerli del mese scorso. Poi è calato il silenzio. Ma è di queste ore la notizia che l’Fbi potrebbe partecipare alle indagini per risalire all’assassino di Yara. Allo studio degli inquirenti americani verrà sottoposto il Dna dell’omicida trovato sugli indumenti della ragazzina, in particolar modo sugli slip. I carabinieri lo hanno confrontato con i profili genetici a loro disposizione, circa 4 mila, senza riuscir a risalire al ‘proprietario’. Dai risultati giunti dall’istituto di medicina legale di Milano si è appreso che l’assassino è un uomo di razza caucasica con Dna per il 60% riconducibile al ceppo lombardo e il 40% all’Est Europa. Con l’apporto dei tecnici scientifici dell’Fbi si potrebbe addirittura risalire all’età e all’aspetto dell’assassino. La caccia all’omicida di Yara, di certo, non si fermerà mai!

L.C.