Scandalo intercettazioni: Rebekah Brooks libera su cauzione, si dimette capo di Scotland Yard

SCANDALO INTERCETTAZIONI – Rebekah Brooks, amministratore delegato di News International, divisione britannica del gruppo editoriale News Corporation di Rupert Murdoch, dopo essere stata arrestata nella giornata di ieri, verso mezzogiorno, per sospetti di complotto nelle intercettazioni e sospetta corruzione di agenti di polizia. Ma da ieri sera Rebekah Brooks è nuovamente libera grazie al pagamento di una cauzione. Insieme a Murdoch e al figlio James sarà ascoltata domani alla Camera dei Comuni a proposito dello scandalo intercettazioni che sta facendo tremare l’Inghilterra. Scandalo che ha portato nelle ultime ore alle dimissioni di Sir Paul Stephenson, il capo di Scotland Yard che ha accettato regali di lusso in cambio di alcuni favori, gettando fango sulla reputazione della polizia.

Nel frattempo l’inchiesta si sposta anche negli Stati Uniti d’America.  Infatti il News of the World avrebbe spiato l’attore Jude Law e il suo segretario mentre si trovavano a New York, il che significa che potrebbero aprirsi nuove azioni legali oltreatlantico, dove il magnate Murdoch possiede Fox News. Inoltre alcuni giornalisti al soldo dell’australiano avrebbero intercettato telefonate dei familiari delle vittime dell11 settembre 2011, quando furono abbattute le Torri gemelle. Inoltre anche il calciatore David Beckham e l’ex Beatle Paul McCartney stanno pensando di far causa a News Internationali per essere stati spiati e le loro conversazioni telefoniche intercettate.

Redazione