Valentino Rossi Ducati: week-end da dimenticare, Hayden gli soffia l’ottavo posto

VALENTINO ROSSI DUCATI – Sin dalle prove del venerdì si era capito che per la Ducati sarebbe stato un pessimo week-end e le Desmosedici di Valentino Rossi e Nicky Hayden chiudono il Gran Premio del Sachsenring in ottava e nona piazza. Durante il warm-up di ieri mattina i tecnici di Borgo Panigale e il Dottore sono riusciti a trovare il miglior set-up per la moto, guadagnando mezzo secondo rispetto alle prove libere e alle qualifiche, ma i risultati stentano ad arrivare, archiviando definitivamente il discorso Mondiale per questa stagione, dove ormai il titolo sembra conteso tra Jorge Lorenzo e Casey Stoner, salvo una quasi miracolosa scalata di Dani Pedrosa che, a causa dell’infortunio a Le Mans, è stato costretto a tre turni di stop.

L’americano della Rossa, Nicky Hayden, ha soffiato l’ottavo posto al suo stesso compagno di squadra e sperava in un risultato migliore: “Ho provato a restare con il primo gruppo dopo il via ma al terzo giro ho preso un grosso rischio su una buca e ho perso un po’ il ritmo. Nella seconda parte di gara è iniziato un lungo duello con Vale e Bautista. Molto divertente, ci siamo superati diverse volte, ma lottare per la settima posizione e tagliare il traguardo con 27 secondi di distacco su una pista che adoro, è dura da accettare. Bautista mi ha passato proprio alla fine prima della salita, io l’ho ripassato ma poi ho perso la volata. E’ facile dirlo adesso, ma penso che avrei dovuto usare la gomma morbida. Speravamo in un risultato migliore ma ogni caso un grazie alla mia squadra che ha lavorato molto duramente”.

Valentino Rossi accusa un problema al cambio marce nella seconda parte di gara, ma la sua prestazione lascia alquanto a desiderare: “Alla fine della gara volevo passare Nicky in staccata alla prima curva, dove riuscivo ad entrare abbastanza forte, e invece sul rettilineo mi ha passato anche Bautista. In ogni caso non è lì che vogliamo stare. Oggi abbiamo sicuramente migliorato rispetto a sabato ma siamo ancora troppo lontani. Arriviamo tardi con il set-up per la gara e questo rende tutto più impegnativo, ma per poter migliorare dobbiamo provare tante cose e in questo modo è facile perdere la direzione. Ci sta, perché conosciamo poco questa moto, e penso sia doveroso provare in tutti i modi a migliorare. Adesso analizzeremo i dati di questo week-end e decideremo cosa fare per Laguna Seca”.

Ma ormai alla Ducati non resta che pensare al prossimo Motomondiale…

Redazione