Belpietro indagato per aver offeso Napolitano con una vignetta su Libero

Maurizio Belpietro

BELPIETRO INDAGATO PER VILIPENDIO – Guai in arrivo per Maurizio Belpietro, direttore di Libero. Il giornalista risulta infatti indagato da parte della procura di Milano per aver offeso l’onore e il prestigio del presidente della Repubblica. “Contestualmente – si legge in una nota del magistrato Edmondo Bruti Liberati – è stata trasmessa al ministro della Giustizia richiesta di autorizzazione a procedere”.

Al centro della vicenda c’è una vignetta, pubblicata dal quotidiano proprio questa mattina in prima pagina. Il disegno ritrae il Capo dello Stato Giorgio Napolitano seduto a tavola: con lui ci sono anche il ministro Roberto Calderoli, il presidente della Camera Gianfranco Fini e il leader del Pd Pier Luigi Bersani. I quatto si accingono a mangiare una grossa pizza, modellata a forma di Italia. Sulla vignetta troneggia uno dei soliti titoli clamorosi a cui il giornale diretto da Belpietro ha abituato i suoi lettori: “Assedio ai papponi di Stato“.

Il quotidiano fondato da Vittorio Feltri non è nuovo alle disavventure giudiziarie: ricordiamo, giusto per fare qualche esempio, il falso dossier su Romano Prodi che nel 2007 è costato a Renato Farina una condanna a sei mesi e la radiazione dall’Ordine dei giornalisti. Quest’ultimo provvedimento era stato adottato anche nei confronti dello stesso Feltri sette anni prima, quando il quotidiano aveva sbattuto a pagina 3 fotografie di minori prese da un sito pornografico.

T.D.C.