Grecia: cala la disoccupazione. Trichet invita i governi dell’Eurozona a salvare il Paese

CRISI GRECIA: DISOCCUPAZIONE IN CALO – Una buona notizia in un periodo nero per la Grecia, la disoccupazione nel Paese è infatti in calo per la prima volta da nove mesi. L’ufficio di statistica greco, segnala che il tasso di disoccupazione è sceso nel mese di aprile al 15,8%, rispetto a quello del 16,2% a marzo. Mentre un anno fa era al 11,9%. Si tratta di cifre ancora molto alte, anche considerando i dati dello scorso anno, ma è almeno un piccolo segnale di fiducia, ci si augura destinato a migliorare.

Nel frattempo, il presidente della Bce Jean Claude Trichet, mette in guardia i Paesi dell’Euro sul default della Grecia, invitandoli ad impedire il fallimento del Paese. “A nome del Consiglio dei governatori della Bce, dico che un credit event, un default selettivo o un default dovrebbe essere evitato“, ha ribadito Trichet.

Il presidente della Bce ha affermato anche che i leader dei Paesi dell’Euro hanno la responsabilità di risolvere il problema della crisi del debito nell’Eurozona e devono agire in fretta. Occorre “trovare una soluzione appropriata il prima possibile”, ha sottolineato Trichet.

Il presidente della Bce ha poi bacchettato i governi dei Paesi senza i conti in ordine: “Le tensioni e i problemi sono dovuti alla mancanza di una gestione sana, rigorosa e corretta da parte degli stessi governi, loro hanno la responsabilità primaria”, ha affermato Tirchet.

Intanto oggi in Grecia continua lo sciopero dei tassisti contro le misure di austerità varate dal governo e approvate dal parlamento. Ieri, secondo la stampa greca, più di 5.000 taxi hanno bloccato gli accessi all’aeroporto di Atene e al porto del Pireo. Inevitabili i disagi per i tanti turisti in vacanza nel Paese.

Redazione