Blitz antimafia: patto di non belligeranza tra Stidda e Cosa Nostra, 27 arresti

BLITZ ANTIMAFIA – I Carabinieri del Comando Provinciale di Caltanissetta hanno messo a segno un blitz contro diversi affiliati di mafia ed ha interessato, oltre la Sicilia, anche Marche, Umbria e Lombardia. L’operazione ha visto all’opera 130 militari, unità cinofile, 50 mezzi e alcuni elicotteri. Gli inquirenti hanno notificato 27 ordinanze di custodia cautelare su richiesta dei magistrati della Dda e i destinatari dovranno rispondere alle accuse di associazione mafiosa, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione e detenzione di armi. Sotto la lente investigativa sono finiti uomini di spicco di Cosa Nostra e della Stidda di  Mazzarino.

A Mazzarino, paese situato tra Caltanissetta e Gela, operavano due clan  criminali che si erano spartiti il territorio e i proventi dei traffici illeciti e delle estorsioni, quasi fosse un patto di non belligeranza. Molti imprenditori, inoltre, sono stati costretti ad assumere fittiziamente nelle loro aziende i parenti dei boss, per consentire loro di beneficiare del regime dell’affidamento in prova ai servizi sociali invece della detenzione carceraria.

Ieri sera il vescovo di Cefalù, monsignor Vincenzo Manzella, nel corso di una fiaccolata ha chiesto di avviare il processo di beatificazione per Paolo Borsellino: “Il giudice Borsellino ha sacrificato la sua vita per una giusta causa”.

Redazione