Inchiesta P4: la Camera riceve nuovi documenti su Milanese dalla procura di Napoli

Marco Mario Milanese

P4: ALLA CAMERA NUOVI ATTI SU MILANESE – Nuovi tasselli si aggiungono al quadro accusatorio contro Marco Mario Milanese, ex consigliere politico del ministro del Tesoro Giulio Tremonti. Tra non molto la Camera dovrà pronunciarsi in merito alla richiesta di arresto avanzata dalla procura di Napoli nei confronti del deputato del Pdl nell’ambito dell’inchiesta sulla P4 e oggi i magistrati partenopei hanno inviato a Montecitorio nuovi documenti sulla vicenda.

Tra gli atti in questione rientra anche la deposizione rilasciata dal direttore di una banca: Milanese si era recato presso l’istituto finanziario per realizzare la vendita di sterline e aveva spiegato al direttore che il denaro apparteneva al padre morto. La transazione è stata effettivamente ultimata e le sterline, di valore pari a 250mila euro, sono passate alla Golden Metal. In seguito, però, gli inquirenti hanno scoperto che il padre di Milanese, contrariamente a quanto da lui dichiarato, è vivo. La procura sta quindi indagando per individuare l’origine del denaro.

La Camera ha inoltre ricevuto il verbale della testimonianza dello stesso Milanese, nel corso della quale l’ex collaboratore di Tremonti aveva parlato di una cena organizzata allo scopo di far entrare in contatto il ministro e Giancarlo Caparldo, procuratore aggiunto di Roma.

Nei giorni scorsi lo stesso Milanese ha sollecitato l’Aula di Montecitorio ad “autorizzare le due richieste pervenute dalla Procura della Repubblica di Napoli di acquisizione dei tabulati telefonici relativi alle sue utenze e l’apertura delle cassette di sicurezza sequestrate”.

Redazione online