New York: oggi il primo matrimonio gay. All’altare due nonnine

Torta nuziale gay

MATRIMONIO GAY NEW YORK – La legge che autorizza l’unione tra omossessuali è attiva. A “tagliare il nastro” dell’entrata in vigore due nonnine.
Per festeggiare l’evento le cascate del Niagara sono state colorate con le tonalità dell’arcobaleno come suggellazione del primo matrimonio gay nella storia dello Stato di New York. Le protagoniste sono state nello specifico due anziane signore,  Kitty Lambert e Cheryle Rudd, aventi in totale ben dodici nipoti.

Con Ny, la città più grande, sono sei gli Stati americani a permettere l’unione tra persone dello stesso sesso. Solo oggi sono circa 823 le coppie che intendono sposarsi, un vero e proprio record.

Qualche settimana fa il presidente Barack Obama, che ha partecipato per la prima volta ad un evento organizzato dalla “Lesbian, Gay, Bisexual and Transgender Leadership“, ha dichiarato che le coppie omosessuali meritano gli stessi diritti delle coppie eterosessuali. Nella serata di gala il presidente della Casa Bianca aveva parlato dinanzi a seicento persone, ognuna delle quali pagò oltre 1ooo dollari per essere presente.

In seguito alla decisione dello Stato di New York di riconoscere il diritto al matrimonio per gli omosessuali, l’ultimo Stato della repubblica federale degli Stati Uniti, il piccolo Rhode Island, ha riconosciuto le unioni tra persone dello stesso sesso. Nonostantenon si tratti di vera e propria ammissione al matrimonio si tratta comunque di una legge che riconosce le coppie omosessuali.

Redazione online