Val di Susa: i no Tav bloccano i mezzi diretti al cantiere di Chiomonte

No Tav
VAL DI SUSA: PROTESTE NO TAV – Non si placano le proteste No Tav in Val di Susa. Questa mattina, alle 6 e mezza circa, a Susa (Torino), un centinaio di manifestanti hanno bloccato per circa due ore i mezzi in uscita dallo stabilimento dell’Italcoge e diretti al cantiere di Chiomonte della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione.

I Carabinieri intervenuti sul posto sono riusciti a convincere i manifestanti a lasciare via libera ai mezzi e agli operai diretti al cantiere, anche se al loro passaggio si sarebbero verificati momenti di tensione, con insulti e sputi diretti ai mezzi, secondo quanto riportato da fonti investigative. Mentre gli esponenti del movimento no Tav hanno detto che quella di oggi è una normale protesta, con volantinaggio, davanti all’entrata dello stabilimento.

Oggi a Susa, in piazza d’Armi, alcuni militanti No Tav hanno tirato già la bandiera italiana dal Monumento ai Caduti del Mare per issare la bandiera No Tav. Un primo tentativo di sostituzione delle bandiere era stato sventato dai commercianti ambulanti del mercato della zona.

Accanto al Monumento ai Caduti è stato posizionato un banchetto dei No Tav.

Redazione