L’avvocato del killer Breivik: “Ha visione distorta del mondo”

Anders Behring Breivik

PARLA L’AVVOCATO DI BREIVIK – Il profilo di Anders Behring Breivik si arricchisce di altri tasselli. A parlare di lui è stato il suo avvocato difensore, Geir Lippestad, nel corso di una conferenza stampa a Oslo trasmessa in diretta dalla televisione Tv2. “È calmo”, ha raccontato il legale, “dispiaciuto per aver dovuto fare ciò che ha fatto, ma dice che era necessario”. Nei confronti delle decine di persone rimaste uccise a Oslo e sull’isola di Utøya, Breivik “non mostra alcun segno di pietà”. Per Lippestad, il 32enne “fraintende completamente la visione del mondo”.

Il suo avvocato ha proseguito affermando che “tutta la vicenda indica che lui sia folle. Anders Behring Breivik crede di essere in guerra, una guerra destinata a proseguire, e sostiene che il resto del mondo, in particolare quello occidentale, non comprende il suo punto di vista”. Una visione completamente distorta: “Secondo lui il mondo lo ringrazierà fra 60 anni” ha aggiunto Lippestad. “Non ha alcuna idea realistica del mondo delle prigioni e di come funziona il sistema giudiziario”. Geir Lippestad ha confermato che chiederà una perizia psichiatrica e che è in contatto con la polizia “per trovare gli specialisti adatti”.

L’avvocato ha rivelato che Anders Behring Breivik si aspettava di essere ucciso nel corso degli attacchi di venerdì scorso. La sua famiglia non ha chiesto di vederlo.

Antonio Scafati