I bambini preferiscono i social network ai libri

    BAMBINI PREFERISCONO FACEBOOK AI LIBRI – E’ preoccupante il risultato che emerge da una ricerca britannica sul rapporto tra i bambini e la lettura. Secondo questo studio, realizzato su un campione di 18mila giovanissimi di età compresa tra gli 8 e i 17 anni, i bambini preferirebbero di gran lunga stare su internet che leggere libri. Insomma, per i più piccoli è decisamente meglio inviare mail o parlare con gli amici su Twitter e su Facebook che sfogliare le pagine di un qualunque romanzo. Qualche numero, giusto per rendere l’idea: il 13% dei piccoli intevistati dichiara di non aver letto neanche una riga negli ultimi trenta giorni, più del 12% di non aver mai varcato l’ingresso di una libreria e il 7% di non essere mai entrato in biblioteca. Inoltre lo studio sottolinea come la disaffezione nei confronti dei libri tenda ad aumentare con l’età: i rappresentanti della fascia più alta del campione, infatti, cioè i ragazzi dai 14 ai 17 anni, si avvicinano ai volumi dieci volte in meno rispetto a quelli che contano qualche anno in meno.

    “Le persone che on leggono in giovane età rischiano di trasformarsi in adulti con gravi problemi di alfabetizzazione – spiega ai microfoni della Bbc Joanthan Douglas, direttore dell’associazione che ha condotto la ricerca – La tecnologia ha ormai invaso la vita degli adolescenti condizionandone così anche le scelte di lettura. Non a caso gli sms sono la forma di comunicazione scritta più letta dai bambini di ogni età, seguiti dalle mail e dai social network”.

    Redazione online