Caso Megavideo-Megaupload: violazione del copyright? You Tube fu assolta

     

    CASO MEGAVIDEO-MEGAUPLOAD – La chiusura di Megavideo, Megaupload e Megaporn ha scatenato l’ira “funesta” del gruppo hacker Anonymous che, come annunciato su Twitter, ha sferrato un primo attacco Ddos (negazione di servizio distribuita) al celebre social network Facebook, dove si registrano malfunzionamenti in diverse zone del mondo, ma forse la causa non sarebbe da attribuire agli ‘Anonimi’ di internet, che in alcuni tweet negano di voler attaccare Fb, in quanto serve come strumento di comunicazione. Quindi potrebbe esserci la mano invisibile di altri hackers o potrebbe trattarsi di semplici “lavori di manutenzione” del social network.

    Sul fronte legale i difensori  di Kim Doctom, gestore dei siti Megaupload e Megavideo, tendono a paragonare i suddetti portali per lo sharing di film e musica a You Tube, il quale qualche anno fa ha dovuto sostenere una causa legale per l’accusa di violazione di copyright, conclusasi con la piena assoluzione della piattaforma targata Google. Ma forse a non andare giù all’Fbi era la gran mole di denaro che riusciva ad accumulare Kim Doctom grazie alla pubblicità: un affare da centinaia di milioni di dollari…

     

    Redazione