Juventus: cuore, grinta e umiltà come Antonio Conte

Antonio Conte

JUVENTUS ANTONIO CONTE – La Juventus torna alla vittoria in una giornata che conta, quella precedente al big match di San Siro. I bianconeri vincono soffrendo contro il bel Catania di Vincenzo Montella, in una sfida senza esclusione di colpi e di polemiche. A partire dall’ennesimo rigore non concesso ai bianconeri, che stasera farà infuriare di meno Antonio Conte visto il risultato. Nel primo tempo Gomez spinge evidentemente in area di rigore Padoin, ma per Brighi non è rigore.

La Juventus dimostra cuore, grinta e umiltà come quella del tecnico ed ex capitano, protagonista di quel coro che lo eleggeva a idolo degli ultrà. E’ sempre più la Juventus di Andrea Pirlo, cuore, mente e ora anche gol per i bianconeri. Il numero 21, così come Zidane, calcia una bellissima punizione a giro che trova impreparato il portiere dei siciliani. Non sazio l’Andrea replica su un altro calcio di punizione, quello che porta all’incornata di Chiellini per il 2-1.

E pensare che a passare in vantaggio era stato proprio il Catania, quando al 3° minuto Barrientos sorprendeva Buffon da fuori area. E’ stata anche la notte di Fabio Quagliarella, tornato ai livelli di grazia. La traversa colpita nel primo tempo e il gol del 3-1 restituiscono ad Antonio Conte un giocatore d’alto livello.

E c’è chi sussurra che l’espulsione di Marco Motta, ex bianconero ora in rossoblu, sia stata decisiva per la vittoria dei bianconeri.  Antonio Conte raccoglie i tre punti frutto del suo lavoro e va avanti per la sua strada, pronto a lavorare ora per la semifinale di Coppa Italia e per il big match di San Siro. Ora per i bianconeri è arrivato il momento cruciale, non si può più sbagliare.

Matteo Fantozzi