Blitz anti-camorra: in manette imprenditori e politici vicini al clan dei Casalesi, 14 arresti

 

BLITZ ANTI-CAMORRA – Non c’è pace per i clan camorristici gravitanti intorno al gruppo dei Casalesi. Stamane all’alba in provincia di Napoli e Caserta sono scattate le manette per 14 tra imprenditori e pubblici funzionari con l’accusa di associazione per delinquere di stampo camorristico, corruzione, abuso d’ufficio, truffa e abusivismo edilizio. Gli uomini delle Fiamme Gialle, nell’operazione denominata ‘Domitia Village’ coordinata dalla Dda di Napoli,  hanno effettuato numerose perquisizioni, sequestrato oltre 300 immobili e terreni per un valore approssimativo di 250 milioni di euro risalenti ai clan Zagaria, Bidognetti, Nuvoletta e Polverino.

Tra le persone arrestate dalla Guardia di Finanza risultano anche Antonio Proto Fedele, ex sindaco di Casaluce, ed Alfonso Scalzone, fratello di Antonio, ex sindaco di Castel Volturno a sua volta indagato nei mesi scorsi con l’accusa di aver favorito esponenti del clan dei Casalesi. Alfonso Scalzone avrebbe servito su un piatto d’argento le concessioni edilizie per realizzare il complesso residenziale Domitia Village al clan dei Casalesi.

 

Redazione