Area C Milano: il Consiglio di Stato accetta ricorso di Mediolanum Parking, da oggi niente ticket

 

MILANO – L’Area C è stata sospesa dal Consiglio di Stato da giovedì 26 luglio fino alla metà di settembre a causa di un pericolo per l’interesse economico di Mediolanum Parking. I titolari del garage, che denunciano di essere gravemente danneggiati dalla ‘congestion charge’ voluta dalla giunta Pisapia, hanno fatto ricorso alla Quinta Sezione del Consiglio di Stato, che ha ribaltato la sentenza del Tar del mese scorso. Ora toccherà al Tar della Lombardia fissare l’udienza di merito, prevista a settembre prossimo.

“Siamo certi che Area C – afferma l’Assessore alla mobilità Pierfrancesco Maran – sarà confermata dall’udienza di merito che auspichiamo possa essere fissata nel più breve tempo possibile. Area C in sei mesi ha ridotto il traffico del 34% nel centro città, il numero degli incidenti e ha consentito ai milanesi di respirare meno sostanze velenose. Ha quindi avuto un innegabile impatto positivo per la qualità della vita di tutti. Oggi registriamo con rispetto ma anche preoccupazione che in un’aula giudiziaria è stato ipotizzato il danno subito da un parcheggio privato e questo blocca un provvedimento utile a tutti i milanesi”.

Sconcerto anche da parte di Legambiente, che denuncia come la sentenza faccia prevalere l’interesse di un singolo a danno di un’intera città, che rischia di ritrovarsi nuovamente sotto una cappa di smog. Esulta, invece, il Pdl.

 

Redazione

 

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan