Udc, Pier Ferdinando Casini: “Monti guarda alle prossime generazioni”

Pier Ferdinando Casini (foto Facebook official)

 

 

UDC – Sin dal primo giorno d’insediamento la fiducia al Governo Monti da parte dell’Udc è stata totale e indiscutibile, tant’è che il leader Pier Ferdinando Casini non manca mai occasione di lodare l’operato del premier Mario Monti, pur riconoscendone lievi imperfezioni. “In questi mesi il governo Monti ha assunto una serie di provvedimenti in numerosi ambiti” che sono “non tutti perfetti, alcuni sicuramente migliorabili, ma che avevano come minimo comune denominatore il grande pregio di recuperare la lezione degasperiana secondo cui, se è necessario, occorre saper andare controvento”.

In una lettera pubblicata dal ‘Corriere della Serà, Pier Ferdinando Casini commenta così la recente citazione da parte di Monti della frase di De Gasperi “un politico guarda alle prossime elezioni, uno statista alle prossime generazioni”. Una massima che andrebbe seguita anche nella prossima legislatura per permettere al Paese di uscire dalla crisi economica sempre più soffocante. “La verità è che siamo oggi un Paese per certi aspetti ancora più corporativo di 60 anni fa – prosegue Casini -. Un Paese in cui tutti invocano tagli e riduzioni degli sprechi a parole, ma al massimo sono disponibili a falciare solo l’erba del vicino. Ecco perchè – spiega Casini – se dovessi segnalare la vera priorità per l’Italia, direi che questo cambio di mentalità indicato dal tecnico Monti alla classe politica è indispensabile che non si riveli effimero ma si proietti sulla prossima legislatura. Con un’avvertenza però: per risultare efficace dovrà riguardare l’intero Paese. Abbassando il tasso di egoismo e facendo alzare a tutti lo sguardo più lontano, in direzione dei nostri figli e dei nostri nipoti. L’unica possibile – conclude il leader dell’Udc – se vogliamo essere un paese moderno”.

 

Redazione

 

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan