Crisi economica: bagliori di luce da Moody’s e Ficht, ma preoccupa il dopo Monti

Piazza Affari

 

 

CRISI ECONOMICA – Dopo le previsioni positive di Monti e Passera al Meeting di Rimini e la comprova ufficiale da parte dell’agenzia di rating Moody’s, l’economia italiana sembra aver lasciato quello stato psicologico di apnea, sebbene siano sensazioni da prendere con moderazione. Fatto sta che i mercati hanno risposto alla grande, facendo balzare il listino di Milano e calare lo spread in una giornata già favorevole. E come sottolinea l’altra agenzia di rating Fitch non ci sarà bisogno di ulteriori misure di austerità o aiuti internazionali (come lo scudo anti spread), bensì di riforme utili ad oleare i meccanismi economico-finanziari.

Nel pomeriggio di ieri però è arrivata una previsione molto meno rosea dalla terza grande del rating, Standard and Poor’s, che ha previsto per Usa e Ue una ricaduta nel pieno della crisi nel 2013, quello che in gergo tecnico si chiama ‘recessione a W’. Inoltre la stessa agenzia Moody’s appena qualche ora prima, in un altro rapporto, aveva ammonito che ”Portogallo, Spagna e Italia continueranno in recessione il prossimo anno” stabilendo per il nostro paese un prodotto interno pari a zero o in calo dello 0,5% nel prossimo anno, dopo il -1,5-2% di quest’anno (l’ultima stima Banca d’Italia prevede un -2% quest’anno e un +0,3% il prossimo) anche a causa delle misure di austerità. In questo caso la fine della crisi non arriverebbe prima del 2016.

Moody’s in alcuni commenti ha ridimensionato l’ottimismo suscitato dal suo report e ricorda come l’Italia ha ”ancora una forte necessità di correzioni macro e strutturali” per uscire dalla crisi. Certo il nostro paese ha compiuto ”alcuni progressi in aree specifiche come ad esempio la riforma del mercato del lavoro” e può contare su alcuni punti di forza quali ”l’avanzo primario”. Inoltre l’agenzia minaccia nuovi tagli di rating per i paesi europei in caso di assenza di passi avanti e per l’Italia elenca due minacce: l’uscita di Monti prima di aver realizzato altre misure necessarie e il contagio da parte della Spagna…

 

Redazione

 

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan