Uccide madre adottiva e infierisce sul cadavere con statua di marmo, sedia e spilloni…

 

GELA – Un operaio 38 enne di Gela, Fabio Greco, ha ucciso in modo crudele la madre adottiva con un numero imprecisato di coltellate, per poi accanirsi sul cadavere colpendolo con una statua di marmo della Madonna, una sedia, un quadro, con degli spilloni. Iolanda Di Natale, 73 anni, aveva adottato Fabio da un orfanotrofio quando aveva quattro mesi, rivelandogli la verità dopo 13 anni. E questo efferato omicidio, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe la macabra punizione per quel segreto scoperto solo dopo tanto tempo. In tutti questi anni avrebbe covato un odio profondo verso la madre adottiva, con continue liti e richieste di denaro divenute sempre più frequenti, specie dopo la morte del padre, Attilio, benestante proprietario di un grande panificio.

L’omicidio è avvenuto intorno alle 2 di notte, quando la madre è rientrata dal club nautico di cui è socia. La lite è scoppiata ancora una volta per una richiesta di soldi. Allertati dalle urla i vicini hanno chiamato i carabinieri, ma al loro arrivo il crudele delitto era già compiuto. Una volta fatta irruzione in casa un agente è stato ferito lievemente con un pugnale da Fabio Greco, che è stato immediatamente immobilizzato e rinchiuso nel carcere di Gela.

 

Redazione

 

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan