Alfano: Pd mette in ginocchio il Paese pur di eliminare Berlusconi. Malan presenta quarta pregiudiziale

Il ministro degli Interni Angelino Alfano (Foto: VINCENZO PINTO/AFP/Getty Images)

Prosegue la querelle politica sulla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore, e in vista della riunione della Giunta delle immunità di Palazzo Madama, questa sera alle 20, il Pdl fa quadrato attorno al proprio capo, affila le armi e prepara la quarta pregiudiziale sulla decadenza di Berlusconi. Annunciata già ieri, questa pregiudiziale sarà presentata in Giunta questa sera dal senatore Lucio Malan e prende di mira la presunta amministratività della misura della decadenza prevista dalla legge Severino per i parlamentari condannati a più di due anni. Secondo Malan, infatti, la sanzione non ha natura amministrativa, ma penale perché “deriva dalla commissione di un reato” ed ” è afflittiva tanto quanto il carcere“. Un altro punto della pregiudiziale riguarda la riabilitazione dell’imputato: “Sussiste un contrasto tra l’incandidabilità per 6 anni con l’art.27 della Costituzione – ha spiegato Malan -, secondo cui la pena deve mirare alla rieducazione del reo, senza porre il marchio dell’infamia“.

Siamo esterrefatti per il comportamento del Partito Democratico, ieri, in Giunta. Pur di eliminare per via giudiziaria lo storico nemico politico, preferiscono mettere in ginocchio il Paese“, ha detto con durezza il segretario del Pdl Angelino Alfano. “Quanto sta facendo il Pd in giunta per le elezioni del Senato è davvero incredibile oltre che insopportabile“, ha aggiunto.

“Noi non abbiamo intenzione di fare atti inconsulti ma nemmeno di subirli, la giunta del Senato ha l’obbligo di approfondire la posizione di un parlamentare, non si possono fare gli errori del passato”, ha detto il ministro per le Riforme costituzionali, Gaetano Quagliariello.

Redazione