Bengasi, attentato a sede Ministero degli esteri. Morto un ex colonnello di Gheddafi

Forze di sicurezza a Bengasi, Libia (Foto: ABDULLAH DOMA/AFP/Getty Images)

Nel giorno in cui cade il primo anniversario dell’attacco al consolato degli Stati Uniti a Bengasi, in Libia, nel quale persero la vita l’Ambasciatore e altri tre cittadini americani, è stata registrata una forte esplosione questa mattina, poco dopo la preghiera dell’alba, davanti ad un edificio del ministero degli Affari esteri libico nei pressi del mercato del quartiere di Hay Al-Salam.
Secondo quanto avrebbero riferito alcuni testimoni, l’esplosione avrebbe provocato danni ingenti agli edifici tra cui la sede locale della vicina Banca centrale. Al momento non sarebbero ancora chiare le modalità dell’attentato e se l’esplosione sia stata provocata da un’autobomba.

Secondo quanto riporta l’Asca, nell’attentato di oggi avrebbe perso la vita Salem Mohamed Al-Urufi, ex colonnello sotto il regime di Gheddafi. Il quotidiano locale Libya Herald riporta che nella deflagrazione anche il figlio del colonello sia rimasto gravemente ferito.

Redazione