Morte di Bevilacqua: quattro medici indagati per omicidio colposo

Un'auto della polizia (Foto: FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Quattro medici della Clinica Villa Mafalda sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla Procura di Roma in relazione alla morte dello scrittore Alberto Bevilacqua.

I quattro medici che si sono occupati dello scrittore durante il suo ricovero nella clinica sarebbero accusati di omicidio colposo.

In vista dell’autopsia, il pm Elena Neri avrebbe avviato l’indagine nei riguardi del direttore sanitario della clinica Villa Mafalda, Mario Maggio, e i professori Antonio Ciccaglioni, Claudio Di Giovanni e Giuseppe Gentile.

Bevilacqua fu ricoverato l’11 ottobre 2012 per uno scompenso cardiaco e secondo quanto riporta l’Ansa, durante gli undici mesi di ricovero presso la struttura privata, i legali della compagna dello scrittore, Michela Macaluso, avevano già presentato una denuncia contro ignoti per lesioni colpose. I legali sostenevano che la struttura non fosse adeguata per le condizioni di Bevilacqua.

Redazione