Patriarca di Damasco a Obama: “La grandezza di un leader sta nel cercare la pace”

Il patriarca Gregory III Laham (LOUAI BESHARA/AFP/GettyImages)

Il Patriarca melkita di Damasco, Gregorio III Laham, commenta all’agenzia vaticana Fides il discorso del Presidente Usa Barack Obama alla nazione, che al momento sembra rendere più complessa la possibilità di un intervento militare in Siria, ha sostenuto: “La grandezza di un leader è quella di cercare la pace e fare la pace, non di fare la guerra e creare distruzione. Una superpotenza è tale se è una potenza della pacificazione”.

Ha proseguito il patriarca: “La logica della violenza non è mai la logica delle persone sagge. Invitiamo tutti i leader politici del mondo a tornare alla Parola di Gesù nel Vangelo: questo è sufficiente per costruire un mondo di civiltà, libertà, dignità, amore e misericordia. La Siria è pienamente collegata con i paesi vicini. E se si brucia un albero in un bosco, tutta la foresta brucerà”.

Gregorio III Laham ha poi concluso, rinnovando “l’invito a rinunciare alla violenza e a non ricorrere a un attacco di qualsiasi tipo” e “anche a tutti i fedeli l’invito a continuare a pregare, come ha chiesto il Papa, per la pace in Siria e nel mondo”.

Analogo messaggio di pace era stato lanciato ieri dal Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill, in un messaggio inviato a Obama in occasione dell’anniversario dell’attentato alle Twin Towers, sottolineando come occorra sfruttare “le opportunità che si sono aperte per una soluzione diplomatica del conflitto. Opportunità che implicano il controllo da parte della comunità internazionale delle armi chimiche presenti in Siria”.

Redazione online