Brescia, omicidio brasiliana: Grigoletto confessa di aver ucciso la sua dipendente

Un'auto della polizia (Foto: FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Claudio Grigoletto, in custodia cautelare per l’omicidio della 29enne brasiliana, ha confessato questa mattina di aver ucciso la sua dipendente, Marilia Rodrigues Silva Martin.

Stando a quanto riportano le agenzie, lo stesso Grigoletto, che nell’interrogatorio di convalida del fermo aveva rilasciato solo dichiarazioni spontanee, avrebbe chiesto questa mattina di poter parlare con il magistrato.

Tuttavia, sia la difesa che il pm titolare dell’inchiesta non sarebbero soddisfatti della ricostruzione dei fatti fornita dall’uomo al termine di un’interrogatorio durato per circa 3 ore: “Ha ammesso di aver commesso il delitto, ma ha dato una ricostruzione diversa che non ci soddisfa”, ha sottolineato il pm Ambrogio Cassiani, all’uscita del carcere di Brescia Canton Mombello dove è detenuto l’uomo.

Anche gli avvocati della difesa, Elena Raimondi e Renato Milini hanno espresso alcune perplessità al riguardo: “L’imputato ha reso dichiarazioni diverse da quelle rese finora. Stiamo decidendo il da farsi”.

Intanto, dalle indagini del Ris sarebbe emerso che la macchia di sangue trovata sul tappetino dell’auto di Grigoletto conterrebbe sia il dna dell’uomo che della vittima.

Redazione

Leggi anche:

Brescia, omicidio giovane brasiliana: l’analisi del Dna conferma la paternità di Grigoletto

Ragazza brasiliana uccisa a Brescia: fermato il datore di lavoro