Colorado: sale bilancio vittime e dispersi. Obama firma decreto stato di emergenza

Colorado inondazioni (Getty images)

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha firmato ieri il documento con il quale è stato decretato lo Stato di emergenza nel Colorado e con il quale saranno stanziati ulteriori fondi per aiutare lo stato federale colpito da un’ondata di forti piogge che hanno provocato una serie d’inondazioni che stanno devastando da mercoledì alcune delle più importanti cittadine del Colorado.

Un intero Stato in ginocchio che fa i conti con i danni e un bilancio provvisorio che nelle ultime ore continua a salire e che al momento registra già 5 vittime e oltre 500 dispersi.

Una vera e propria calamità naturale che si è abbattuta nel giro di una settimana sullo stato. Secondo le previsioni meteorologiche le tempeste di fine estate dovrebbero ancora prolungarsi: attese tra oggi e domani, ulteriori precipitazioni che potrebbero provocare nuove inondazioni.

Mentre le squadre di salvataggio stanno sollecitando gli abitanti delle cittadine rimaste isolate ad abbandonare le abitazioni, elicotteri e camion della National Guard stanno prelevando decine di persone che non vogliono lasciare le case.

Lo Stato già sta facendo i conti dei danni e nella sola contea di Boulder calcola a 150 milioni di dollari i fondi necessari per ripristinare le strade e i ponti danneggiati.
“La ricostruzione sarà dalle 10 alle 15 volte superiore al nostro budget annuale”, ha dichiarato il capo dei Trasporti della contea George Gerstle.

Redazione