Basket, Belinelli: ”Possiamo essere da podio”

Marco Belinelli (getty images)

 

Marco Belinelli, leader di questa Italia del basket, alla vigilia del match contro la Lituania nei quarti di finale degli Europei in Slovenia, parla così al Corriere dello Sport: ”Questo è un gruppo che vuole migliorare e penso che dopo oltre un mese e mezzo di lavoro si faccia di tutto per arrivare sino in fondo. E’ una squadra operaia, noi giochiamo duro, siamo fisici, non molliamo, però… Io non sono venuto in azzurro nel 2012. Ebbene ho ritrovato una squadra di talento, di qualità diffusa. Gentile è un talento davvero notevole. Aradori è migliorato moltissimo, Datome ha decisamente più fiducia nei propri mezzi. Ho ritrovato una Nazionale migliore. Vorrei aggiungere Cinciarini è diventato un play di alto livello internazionale e Cusin è fantastico, un baluardo fondamentale per noi. Si sacrifica, capisce le situazioni. E’ stato grandissimo contro Marc Gasol, uno dei più forti centri al mondo. Mi chiedo come sia possibile che non giochi in Serie A. Inspiegabile. La Lituania? E’ completa, forte fisicamente, ma la sua forza secondo me è la panchina, la Lituania “sale” con i cambi. E’ una potenza d’Europa. Sarà fondamentale il tagliafuori, per noi. Per quanto riguarda gli esterni, forse è vero che io, Ale, Aradori, Cincia, Luca abbiamo più talento. Ma la Lituania ha grande organizzazione difensiva, possono raddoppiare con i lunghi, aiutare forte. L’obiettivo è qualificarsi al Mondiale adesso, ma siccome c’è una partita alla volta, ora cominciamo a pensare al podio. C’è la Lituania, prepariamola al meglio e vedremo”.

Marco Orrù