Inaugurata sede nuova Forza Italia, presente anche Silvio Berlusconi

Berlusconi a una vecchia manifestazione di Forza Italia (MARCELLO PATERNOSTRO/AFP/Getty Images)

Si è inaugurata pochi minuti fa in San Lorenzo in Lucina, a Roma, la nuova sede di Forza Italia, dopo il videomessaggio di ieri dell’ex premier Silvio Berlusconi, che ne ha sancito la rinascita, accantonando di fatto il Pdl. Stanze tinte d’azzurro, gadget forzisti ovunque, una foto della discesa in campo del Cavaliere del 1994, così si presenta la nuova sede, alla cui inaugurazione non è voluto mancare proprio Berlusconi.

Per permettere di seguire l’evento a simpatizzanti e curiosi, è stato installato in Piazza San Lorenzo in Lucina, non distante da Montecitorio e Piazza di Spagna, è stato messo a disposizione un maxischermo, che segue appunto ciò che avviene all’interno della sede e dalla cui fonica vengono trasmesse le vecchie note dell’inno di quello che per anni è stato il primo partito italiano. All’esterno, si fa inoltre notare la presenza massiccia di telecamere e fotografi, oltre agli inviati delle principali testate italiane.

A campeggiare, tra le altre cose, una scritta sul muro, con una frase di Berlusconi: “Tutta la mia vita, prima come imprenditore, poi come presidente del Consiglio, si è ispirata al rispetto per gli altri ed all’amore per la libertà”. Molto limitata, all’esterno, è però la presenza dei sostenitori dell’ex premier.

Ha sostenuto Berlusconi inaugurando la sede: “L’acronimo Pdl non comunica, inoltre qualcuno è andato via, per questo ci siamo spinti nella direzione di un ritorno al futuro, di una nuova Forza Italia. C’è in giro una quantità di persone triste e indignata che guarda allo stato della nostra democrazia. Apriamo porte che a volte anche colpevolmente abbiamo tenuto chiuse”.

Ha aggiunto l’ex premier: “Vogliamo che il nostro sia un Paese che non sia governato da chi è espressione di una parte politica che non ha mai rinnegato il comunismo, l’ideologia più disumana della storia dell’uomo. Questo progetto è rivolto a chi non si sente sicuro della propria libertà, del proprio futuro, dei propri beni. Io guardo al mio caso: credo che purtroppo la legge in Italia non è uguale per tutti”.

“Credo che abbiamo dato prove straordinarie di disponibilità e serietà, nonostante quello che ci sentiamo dire dai signori della sinistra” – ha sostenuto ancora il Cavaliere – “Saremo in questo governo con la ferma intenzione di far mantenere questi provvedimenti fino in fondo. Sappiamo che la crisi porterebbe alla destabilizzazione e la stabilità in questo momento è un bene. Guarderemo non al nostro interesse, ma all’interesse del Paese”.

Ha spiegato Berlusconi: “Da oggi in poi tutti i gruppi si dovranno chiamare Forza Italia e non Pdl. Inoltre dobbiamo schierare nei seggi persone che sappiamo effettuare controlli, perché le ultime elezioni le avevamo vinte noi. Dobbiamo inoltre saper stare su Internet, sui social network, che tanta innovazione hanno portato nelle nostre vite. Dobbiamo aprirci a questi strumenti, per comunicare a chi lo usa quali sono i nostri programmi e le nostre idee”.

“Dio, creando l’uomo, lo ha voluto libero. Forza Italia, forza di libertà”, ha concluso l’ex premier.

Redazione online